P come Pavia

Ca’ tant de stagh, vììd tant da bev, camp a vista d’ogg.

Informazione di servizio: questa edizione del resoconto della tappa milanese dell’abbecedario andrà in onda in forma ridotta per… vacanza! Eh si, perché anche i supereroi delle volte hanno bisogno di staccare e di passare un po’ di tempo senza pensieri, in vacanza. E proprio durante le (forse) meritate ferie dalla lotta al crimine culinario l’UB trova il tempo (o forse la voglia di armarsi di padelle) per preparare la prima ricetta milanese. Ricetta scelta riguarda le polpettine con la verza, le pulpet de verz! Ringraziamo Paola  per l’ospitalità

 

Dosi per 4 persone:

  • 1 verza
  • 400g di Manzo tritato
  • 50g di salsiccia luganega
  • 50g di pancetta a tocchetti
  • 1 uovo
  • Aglio
  • Prezzemolo
  • Burro
  • Salvia
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • 3 bicchieri di vino rosso
  • Sale
  • Pepe

 

Preparazione:
Lavare e far cuocere a mezza cottura 12 foglie di verza ( scartare quelle esterne più dure che si possono rompere nell’avvolgere le polpette), stenderle sul piano di cucina e mettere su ognuna una pallottola di ripieno composto da manzo tritato arrostito,  50 gr di luganega, aglio, prezzemolo, grana grattugiato, 1 uovo. Avvolgerle e legarle con un filo o fermarle con gli stecchini. Mettere le polpette in una padella, in cui si è fatto soffriggere burro, cipolla tritata, dadini di pancetta e salvia. Far cuocere a fuoco vivace per rosolarle da una parte e dall’altra. Bagnare con vino rosso, lasciare che anche il cavolo cuocia e far concentrare il sugo a lenta cottura. Alla fine della cottura aggiungere un’abbondante macinata di pepe.

 

Ed ecco il risultato:

 

Ci scusiamo per il disagio recato con lo scarso aggiornamento del blog, ma è tempo di vacanzeeeeeeee