Z come Zocca

Fin c’à ghè vita a campare agh’sarà sempre da imparare

Ed eccoci finalmente giunti alla fine del viaggio…un po’ di malinconia segna questa ultima ricetta dell’abbecedario italiano, ma una punta d’orgoglio riempie l’UB, per essere giunto alla fine e aver partecipato ad ogni tappa, nonostante ormai si sa, l’UB è scansafatiche per definizione. E diciamolo, per una volta, l’orgoglio riguarda anche il successo di molte ricette preparate.

Prima di andare avanti ringraziamo l’artefice di questa avventura…ovvero l’intrepida Aiuolik, senza la quale non saremmo arrivati a questo punto (e non mi riferisco solo al blog), la quale ha ideato questa e ante altre avventure.

Concludiamo questo viaggio con una ricetta semplice e abbastanza rapida, lo sformato di spinaci della nonna Pia Genasi. Il perché di tale nome ci è ignoto, ma ignoto non sarà più il gusto prelibato di questo piatto! Ringraziamo Roxy per l’ospitalità, e passiamo alla descrizione della ricetta.

 

Dosi per 4 persone:

  • 700g di spinaci
  • 4 uova
  • 70g di burro
  • 300ml di besciamella
  • 150g di parmigiano grattugiato
  • Sale
  • Noce moscata

 

Preparazione:

Scottare gli spinaci, appena tiepidi, strizzarli con le mani e tagliarli in orizzontale ed in verticale, per evitare che i gambi restino interi e sfilaccino. In una terrina mescolare e amalgamare bene gli spinaci, le uova, il formaggio la besciamella e salare, aggiungendo un pizzico di noce moscata. Infine, disporre il tutto in uno stampo imburrato. Scaldare il forno a 180°, coprire con un foglio di alluminio o carta da forno e cuocere per circa tre quarti d’ora a bagnomaria.

Ed ecco il risultato….da leccarsi i baffi!!!

Il sottoscritto sveste i panni dell’UB (che schifo!) e ringrazia ancora una volta tutte le partecipanti, è stata una bella avventura, conclusa alla grande…ma una nuova inizierà tra qualche settimana…stay tuned!!!