Tag Archive: Burro


Ghrayba Bahla

Abbecedario culinario mondiale:  

[abcLogo]

R di Rabat – Marocco

Ghrayba Bahla

Altra tappa dell’abbecedario mondiale, e si arriva in Marocco, terra di spezie e sapori forti. Per l’occasione il prode UB ha studiato sul campo (si fa per dire) i segreti della cucina marocchina, effettuando un blitz al padiglione del Marocco all’Expo, insieme alla fidata Aiuolik!

E proprio là che l’UB ha recuperato un ricettario marocchino da cui è stata estratta e proposta la ricetta seguente. Proponiamo dei biscotti a base di mandorle, non prima di aver ringraziato Patrizia per l’ospitalità!

 

Ingredienti:

  • 1 kg di farina
  • 250 g di zucchero a velo
  • 250 g di mandorle tritate
  • 3 bustine di lievito
  • 3 bustine di zucchero vanigliato
  • 250 g di semi di sesamo
  • 500 g di burro

Preparazione:

 

Mescolare lo zucchero e il burro, aggiungendo successivamente la farina ed il resto degli ingredienti. Amalgamare tutto fino a ottenere un composto omogeneo. Formare delle piccole palline, appiattendole appena, appoggiarle in una teglia da forno e infornare a 160° per circa mezz’ora.

 

Ecco il risultato:



wpid-wp-1445203935188.jpg

 

Annunci

Abbecedario culinario mondiale:  

J di Juan Carlos Base – Antartide


Antarctica Sledging Biscuits

Ennesima tappa dell’abbecedario mondiale, stavolta volando nelle fredde terre antartiche, tra pinguini, foche ed eschimesi.  E visto che recuperare un povero pinguino o del latte di balena non era cosa semplice, l’UB ha cercato di proporre una tipica ricetta antartica…una di quelle ricette diffuse nelle basi in mezzo a ghiacci e tempeste. Proponiamo dei biscotti salati, usati in genere per spalmarci sopra il pemmican. Ringraziamo la carissima amica Brii per l’ospitalità, e riportiamo la ricetta passo passo.

 

Ingredienti per 20/25 biscotti:

  • 300 g di farina integrale
  • Un cucchiaino di sale
  • Un cucchiaino di bicarbonato
  • 30 g di burro
  • 50 ml di acqua fredda

 

Preparazione:

Mescolare la farina e il bicarbonato insieme al sale. Aggiungere il burro ammorbidito, e amalgamare il tutto. Versare piano piano l’acqua fredda mentre si mescola il composto. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo e non appiccicoso. Stendere l’impasto in modo da avere il composto dello spessore di 1-2 cm. Tagliare l’impasto in forme rettangolari, e fare dei fori poco profondi con i rebbi di una forchetta. Riscaldare il forno a 180° e infornare i biscotti. Farli cuocere per 15-20 minuti, e lasciar raffreddare.

 

Eccoli:

 

wpid-20150425_135014.jpg

 

 

Abbecedario culinario mondiale:  

C di Canberra – Australia



Scone-topped Beef Casserole

Seconda ricetta australiana per il viaggio culinario mondiale, e ci apprestiamo a salutare l’isola con un po’ di tristezza (l’Australia è nella lista dei viaggi futuri desiderati dall’UB). Talmente tristi che il vostro supereroe qualche giorno fa ha affogato i dispiaceri in un pub australiano, in compagnia della bionda più famosa dell’intera isola:

E dopo le solite idiozie, passiamo a raccontare la ricetta scelta, ovvero la scone beef casserole, non prima di aver ringraziato Haalo, per l’ospitalità:

 

Ingredienti:

  • 900g di manzo
  • 2 cucchiai di farina
  • 2 cucchiai di olio
  • Una cipolla
  • Una carota
  • Una costa di sedano
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di pepe
  • 1 cucchiaino di timo
  • 1 cucchiaino di salsa Worcester
  • 600ml di brodo

Ingredienti per gli scone:

  • 300g di farina
  • 40g di burro
  • 50g di parmigiano grattuggiato
  • 150ml di latte
  • Prezzemolo
  • 1/2 cipolla
  • Sale

 

Preparazione:

Tagliare il manzo a cubetti, e far rosolare appena nell’olio caldo. Rimuoverli e metterli in una casseruola. Nella padella far soffriggere cipolla, carota e sedano tritati, aggiungendo poi la farina, mescolando per un paio di minuti. Aggiungere il tutto alla casseruola, col brodo e il resto degli ingredienti (sale, pepe, timo e salsa Worcester). Lasciar stufare per un paio d’ore a fuoco lento.

Nel frattempo preparare gli “scone”: mescolare farina, lievito, burro fuso e latte fino ad ottenere un impasto compatto. Stenderlo su una spianatoia in modo da avere una forma rettangolare spessa circa un centimetro. Spolverare la superficie con parmigiano, il prezzemolo, la cipolla tritata e il sale. Rotolare l’impasto, avendo una forma cilindrica; tagliare in fette larghe un centimetro, e metterle nella casseruola sopra lo stufato ottenuto, in modo da coprirlo completamente, spennellando la superficie con un po’ di burro fuso o latte. Mettere la casseruola in forno a 180° per 15-20 minuti.

 20141207_122604 20141207_123550

 

Damper

Abbecedario culinario mondiale:  

C di Canberra – Australia



Damper

Altra tappa dell’abbecedario mondiale in cucina, e si continua il viaggio saltando tra i diversi continenti. Stavolta ci si ferma in Australia, terra affascinante, dalle bellezze naturali, come l’Ayer’s Rock

a quelle moderne come l’Opera House di Sydney

fino alla fauna locale, dal koala

al canguro

E l’UB potrebbe stupirvi cucinando il dolce e tenero (specie dopo la cottura) marsupiale, ma ve lo risparmia, anche perché non è riuscito a trovarlo, se non al pub australiano del capoluogo sardo…ma in versione finale.

Scherzi a parte, la ricetta proposta è un tipico pane australiano, il damper. Come sempre, ringraziamo il blog ospitante, Cook (almost) anything, e passiamo al resoconto:

 

Dosi per un damper:

  • 450g di farina
  • 80g di burro
  • 200ml di acqua
  • 1 cucchiaino di sale
  • Una bustina di lievito chimico

 

Preparazione:

In una ciotola versare la farina, aggiungere il burro ammorbidito e il lievito, e impastare . Far poi sciogliere il sale nell’acqua e versarla piano piano nella farina, poco alla volta, e impastare lentamente. Lavorare l’impasto su una spianatoia per una decina di minuti, fino a formare una palla soda. Coprirla e lasciar riposare per dieci minuti.

Schiacciare la palla, in modo da avere una forma piana circolare, fare delle leggere incisioni sulla superficie, ad esempio una croce, e infornare per mezz’ora a 180°, spolverando la superficie con un po’ di farina.

Eccolo:

wpid-20141122_114455.jpg